Nei giorni scorsi è arrivata la notifica di chiusura indagini per l'omicidio avvenuto nel locale Felix di Latina in occasione di Miss Romania. Il dramma si era consumato lo scorso settembre al termine di una violenta discussione tra alcuni romeni. Una volta che sono arrivate le consulenze anche sull'arma del delitto, un coltello che è finito nei laboratori della scientifica, il pm Luigia Spineli, titolare dell'inchiesta, ha tirato le somme.
Il quadro processuale è cambiato: Gheorge Tirim, difeso dall'avvocato Adriana Anzeloni, ritenuto l'autore materiale dell'omicidio nei confronti di Marius Arinei, deve rispondere dell'accusa di omicidio volontario e rissa mentre per Sebastian Bozdog l'accusa è soltanto quella di rissa e non più di omicidio volontario. Ma non è tutto: è stata archiviata definitivamente la posizione di un terzo romeno, colpito inizialmente dalla misura restrittiva e poi rimesso in libertà dal giudice al termine dell'interrogatorio di convalida e infine sul registro degli indagati era finito anche Virginio Moro, proprietario del locale che deve rispondere di favoreggiamento.