Spiagge affollate e boom di diportisti, con il boom delle presenze sui litorali aumentano anche i controlli. Nell'ambito della operazione "Mare Sicuro 2017", la Guardia Costiera di Gaeta continua ad impiegare giornalmente il proprio personale e le proprie unità navali al fine di garantire, sulle spiagge ed in mare, il rispetto delle norme poste a tutela della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione e balneare, il corretto uso del demanio marittimo e della tutela dell'ecosistema marino e costiero.

 GAETA Nel week end appena trascorso i militari della Guardia Costiera, fin dalle prime ore del mattino, hanno effettuato attività di vigilanza lungo le coste. Particolare attenzione è stata posta nei confronti dei diportisti e per il rispetto delle norme in materia di sicurezza della navigazione con le unità da diporto e delle relative dotazioni di bordo, riscontrando violazioni alla normativa che limita la navigazione sotto costa, procedendo a sanzionare i trasgressori. Nel tratto di mare della spiaggia di Serapo di Gaeta, le unità navali unitamente alle pattuglie via terra, sono intervenute in soccorso, a seguito di richiesta pervenuta tramite il numero di emergenza 1530, di quattro bagnanti in difficoltà a causa del forte vento presente in zona attesa l'impossibilità a raggiungere la riva da parte degli stessi che anche grazie all'ausilio degli assistenti di salvataggio, sono stati riportati a terra in buono stato di salute.


SPERLONGA Sul fronte della polizia marittima, a seguito di specifiche segnalazioni pervenute, gli uomini della Guardia Costiera di Gaeta, sono intervenuti presso un tratto di arenile libero del Comune di Sperlonga - località Salette. I segnalanti lamentavano l'impossibilità di fruire liberamente di un tratto di arenile libero, a seguito di abusiva occupazione di pubblico demanio marittimo da parte di noleggiatori di attrezzature balneari. Il personale militare, intervenuto nella zona di spiaggia libera ed oggetto della segnalazione, aveva modo di accertare l'effettiva preventiva occupazione di un tratto di arenile con l'illecito posizionamento di oltre 50 attrezzature balneari (lettini, sedie a sdraio ed ombrelloni), occupando un area di circa 120 mq. Tale materiale, infatti, era stato posizionato senza alcuna effettiva richiesta di noleggio da parte degli utenti, facendo apparire, di fatto, un tratto di arenile libero, come un vero e proprio stabilimento balneare in regime di concessione demaniale marittima, ingannando così tutti gli ignari utenti che invece avrebbero voluto usufruire liberamente e gratuitamente di quel tratto di arenile. Individuato l'autore dell'illecita attività - L.F. di Fondi -, i militari della Guardia Costiera provvedevano a diffidare all'immediata rimozione delle attrezzature abusivamente posizionate, al fine di riconsegnare alla libera fruizione alla collettività il tratto di spiaggia. Le attrezzature rimosse sono state poste sotto sequestro e l'autore dell'abusiva occupazione demaniale è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria di Latina per i successivi provvedimenti di legge.
A tale attività di polizia marittima svolta dai militari della Guardia Costiera di Gaeta per la tutela del pubblico demanio marittimo, si aggiunge quella svolta per assicurare la sicurezza della balneazione. Infatti presso uno stabilimento del litorale di Formia veniva riscontrata l'assenza del previsto servizio di assistenza e salvataggio, con grave pregiudizio per la sicurezza dei numerosi bagnanti presenti in zona. Oltre mille euro la sanzione amministrativa elevata a carico del trasgressore.