Ha approfittato che il capostazione fosse impegnato in una manovra per entrare in azione e rubare il cellulare. Ma il ladro non è riuscito a farla franca.  I fatti si sono verificati lunedì pomeriggio presso la stazione ferroviaria di Formia.  Il capostazione dapprima era all'interno dell'ufficio, poi si è spostato per fare una manovra ed ha lasciato il suo telefono cellulare sul banco.  A questo punto è entrato in azione un giovane di 35 anni, campano, S.G., che forse stava osservando il capostazione già da un po'. Il 35enne ha rubato il cellulare ed ha cercato di allontanarsi dallo scalo ferroviario, sperando di non lasciare tracce. Immediatamente è partita la segnalazione alla vicina Polfer. Gli uomini del Sovrintendente Capo, Giuseppe Valerio, hanno avviato i dovuti accertamenti e poco dopo sono riusciti ad rintracciare il ladro. Gli agenti lo hanno raggiunto e fermato. E' stata recuperata la refurtiva che è stata consegnata al legittimo proprietario. Per il trentacinquenne è scattato l'arresto per furto aggravato. Ieri pomeriggio il giovane è stato accompagnato presso il tribunale di Cassino per essere giudicato con il rito della direttissima. Convalidato l'arresto e cinque mesi e dieci giorni pena sospesa, oltre ad una ammenda di 200 euro.