La scorsa notte, a Frosinone, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia hanno arrestato un 26enne di Velletri, già conosciuto dalle forze dell'ordine per diverse ipotesi di reato del passato, poiché aveva violato la misura di prevenzione della sorveglianza speciale cui era sottoposto e, contestualmente, hanno proposto per una 27enne di Colleferro, anch'ella già conosciuta, per l'applicazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio.

Tutto è accaduto nella zona vicina alla stazione ferroviaria del capoluogo ciociaro: i militari dell'Arma, durante l'espletamento di un predisposto servizio finalizzato al controllo del territorio, transitando nell'area dello Scalo hanno visto le due persone e hanno proceduto alla loro identificazione.

In tale frangente i carabinieri hanno appurato che l'uomo era gravato dal provvedimento che gli imponeva l'obbligo di soggiorno nel Comune di residenza e, di conseguenza, lo hanno immediatamente bloccato e arrestato. Questa mattina (14 novembre 2017) è stato giudicato con rito direttissimo nelle aule del Tribunale di Frosinone: il giudice ha convalidato l'arresto e ha poi rimesso in libertà il 26enne con le stesse prescrizioni che aveva al momento del controllo dei carabinieri.

La donna, invece, non potrà tornare nel capoluogo ciociaro per un periodo di tre anni.