Nuovo affondo dell'opposizione consiliare di Ardea rispetto alla gestione amministrativa del Comune targata MoVimento 5 Stelle. «Più volte abbiamo richiesto al sindaco un incontro aperto a tutto il Consiglio comunale per verificare quanto da lui in più occasioni dichiarato, cioè che altra via di uscita, oltre al dissesto finanziario, non ne vedeva - hanno esordito dall'opposizione - Se è vero che dopo il bilancio approvato dal commissario sono spuntati altri debiti fuori bilancio tiri fuori gli attributi e denunci: basta con i piagnistei e soprattutto basta con le bugie come quelle delle telecamere alle scuole. Basta con le finte indagini urlate a una platea stanca: noi non abbiamo nulla da temere. Anzi chiediamo il rispetto dei ruoli e soprattutto della città».
E non è tutto: «Non siamo più disponibili ad ascoltare inesattezze come quelle emerse a proposito degli usi civici: il balletto delle particelle catastali acquisite, con l'assessore a dichiarare che il trasferimento è avvenuto soltanto per il 10%, rettificandolo poi al 20% la settimana dopo. Non si possono dichiarare cose che non si conoscono: fare amministrazione significa innanzitutto rispetto per i cittadini che vi hanno delegato a rappresentarli con il loro voto».