Aveva cercato di adescare una ragazzina nigeriana, compiendo una serie di atti sessuali davanti ai suoi occhi. L'episodio era avvenuto a Latina e un nigeriano di 38 anni, difeso dall'avvocato Alessandro Farau, era stato indagato a piede libero dalla Procura. Per lui il pm aveva chiesto il giudizio immediato. In aula nel corso dell'udienza, la posizione processuale dell'imputato si è ridimensionata e il reato contestato è stato riqualificato dal giudice del Tribunale. Il pm aveva chiesto la condanna a due anni e mezzo di reclusione ma il giudice ha riqualificato il reato in semplici molestie condannandolo a due mesi di arresto con la sospensione della pena. L'uomo aveva cercato di corrompere la minore e il fatto risale al luglio del 2016. La ragazzina aveva deciso di denunciare tutto ai carabinieri ed era scattata unì'inchiesta.