Il medico Carlo Del Pero "paga" con la detenzione in carcere il coinvolgimento nel business dell'accoglienza dei migranti. Il Tribunale di sorveglianza ha revocato infatti per lui la libertà vigilata, alla quale era sottoposto dalla scorsa estate, e ha disposto una misura di sicurezza più afflittiva anche alla luce della vicenda che vede la moglie indagata a piede libero per abusivismo edilizio.
Il trasferimento dietro le sbarre dell'istituto di pena di Velletri risale alla serata di lunedì, quando i poliziotti della Squadra Mobile hanno aspettato che Del Pero rientrasse nel proprio studio di medicina legale, in centro a Latina, per notificargli il provvedimento del Giudice.

I dettagli ora in edicola con Latina Oggi