Saranno interrogati domani mattina nel carcere di Velletri dove sono detenuti, i tre indagati fermati nel corso dell'operazione congiunta di polizia e carabinieri con l'accusa di tentata rapina. I tre arrestati, due del capoluogo e un 55enne residente a Pomezia, saranno ascoltati per la convalida del fermo di polizia giudiziaria sulla scorta degli elementi che sono stati raccolti dagli investigatori. I tre indagati avranno la possibilità di rispondere al magistrato e al gip del Tribunale di Velletri De Angelis e offrire la propria versione dei fatti, ma potranno anche avvalersi della facoltà di non rispondere e quindi restare in silenzio di fronte alle contestazioni del giudice. Il blitz era scattato lunedì mattina quando i tre erano stati fermati a pochi metri di distanza della Banca Popolare di Milano a Frattocchie, a poca distanza da Marino, ai Castelli Romani e gli investigatori avevano sequestrato taglierini, passamontagna e la riproduzione di una bomba a mano.