Ha tentato di rubare un'auto ma il furto non gli è riuscito grazie ai Carabinieri di Cisterna che lo hanno braccato non consentendogli di fuggire. Un'operazione lampo e condotta in maniera egregia quella dei militari della caserma di Cisterna. Gli uomini agli ordini del comandante Giovanni Santoro - in forza al reparto territoriale di Aprilia - hanno così tratto in arresto mercoledì scorso un giovane 20enne egiziano residente ad Ardea già autore di altri furti analoghi e di rapine improprie. Ma l'ultima che gli è costata cara e con le manette ai polsi. Mentre il malvivente era intento a sfondare il vetro dello sportello lato guida di una Opel Zafira in sosta alla stazione ferroviaria, è stato sorpreso dal titolare dell'auto - un uomo dell'est - che ha tentato di ostacolare le intenzione del ladro. Il 20enne però senza indugiare ha minacciato il proprietario e cercato di allontanarsi con l'auto ma proprio in quel momento è stato notato da un Carabiniere che stava prendendo servizio. Il militare ha fatto scattare l'allarme e tentato di fermare il giovane ladro. Ne è scaturita una colluttazione e poi l'inseguimento. La caccia dei militari intorno la zona della stazione si è concentrata anche nell'area mercato dove il malvivente è stato immobilizzato e arrestato. La sinergia e la tempestività dei Carabinieri in azione non hanno dato scampo al nordafricano. Per lui sono scattate le manette ai polsi e le formalità di rito in caserma. Poi è stato associato alla casa circondariale di zona per il reato di furto e resistenza a pubblico ufficiale.
La prontezza del militare di passaggio, e l'immediato supporto dei colleghi di turno, hanno permesso così di arrestare il ladro e recuperare la macchina che è stata riconsegnata al legittimo proprietario.
Il Carabiniere intervenuto durante il furto è stato ferito dal 20enne egiziano e ne avrà per almeno venti giorni. La prognosi redatta dallo staff medico che ha visitato il militare in ospedale è di tre settimane.