Sono rimasti tutti in silenzio alcuni degli indagati dell'operazione Super Job condotta nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza tra Aprilia, Cisterna e Latina e che ha portato all'arresto di 18 persone per associazione per delinquere e poi emissione di fatture false per operazioni inesistenti. In carcere sono stati ascoltati il commercialista Fabio Cardenia e poi  Carmine Speranza, Andrea Aquilini e Corrado Stoppa che hanno scelto la strada del silenzio davanti al gip Pierpaolo Bortone (nella foto) che ha emesso il provvedimento restrittivo  e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.  Domani mattina si andrà avanti e saranno ascoltati gli altri indagati,  tra cui anche Enrico Fiorillo, considerato il promotore del sodalizio e che sarà ascoltato per rogatoria in carcere a Pavia dal gip Carlo Pasta.  A seguire saranno interrogati tutti gli altri indagati comprese anche le persone che sono detenute agli arresti domiciliari. Le indagini coordinate dal pm Luigia Spinelli e Giuseppe Bontempo, sono scattate nel febbraio del 2015 e nei giorni scorsi sono state emesse le misure cautelari.