Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Distributori di carburante  Il Comune mette le regole
0

Distributori di carburante
Il Comune mette le regole

Fondi

Col regolamento pronto a entrare in vigore si andrà a colmare un “vuoto”. Un modo per mettere ordine nella giungla di distributori di carburante, spuntati fuori alla spicciolata sull’intero territorio comunale. Attività sorte nel corso del tempo mentre le normative cambiavano, accavallandosi nel tempo e in certi casi si sovrapponevano, riuscendo a creare disordini e incertezze piuttosto che un ordine chiaro sul da farsi. Il Comune di Fondi, comunque, è ormai prossimo al passo decisivo. In queste ore l’ente ha pubblicato, sotto le direttive del dirigente competente (il comandante della polizia locale Giuseppe Acquaro), l’avvio del procedimento di razionalizzazione del sistema dei distributori in città.

Il disciplinare varato
in Consiglio ad aprile
Ora entre in vigore:
l’obiettivo è porre
ordine tra gli impianti.

Il regolamento era stato approvato dal Consiglio comunale lo scorso aprile ma l’iter è arrivato in porto soltanto ora. I concessionari avranno la possibilità di prendere visione di tutta la documentazione disponibile e avranno anche il diritto di presentare memorie scritte e documenti. Il termine è di 30 giorni. In effetti l’entrata in vigore del regolamento sulle stazioni di servizio nel Comune di Fondi detta regole rigide sugli impianti. Sia su quelli già esistenti sia su quelli di eventuale nuova apertura. Diversi gli ambiti in cui il testo normativo varato dal Consiglio del sindaco Salvatore De Meo, in osservanza ai più recenti aggiornamenti, interviene a disciplinare l’attività e le strutture dei distributori. 

Innanzitutto si andranno a verificare le caratteristiche di impianti, contenitori ed erogatori di carburante. Le stazioni dovranno essere dotate di servizi igienici e idonee aree di sosta. Sarà imprescindibile il rispetto di distanze dalla carreggiata, superfici destinate alla sosta dei veicoli e cubature: gli impianti già esistenti e dichiarati compatibili col regolamento dovranno essere adeguati. I controlli saranno rigidi e consentiranno di accertare la presenza o meno di situazioni di irregolarità. Una linea chiara, quella dettata dall’amministrazione comunale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400