Questione di cuoricini, cicogne e fiorellini da stampare sui cartelli e adottare come simbolo. Sta tutta qui l'impasse che ha messo "in sosta" la pratica per l'avvio dei parcheggi rosa riservati alle donne in gravidanza e alle neomamme. Un'ordinanza datata 14 settembre istituiva gli stalli riservati, indicando persino indirizzi precisi in cui realizzarli, ma i parcheggi non erano mai arrivati. La spiegazione l'ha fornita l'assessore alla viabilità Muccitelli nell'ultimo Consiglio, rispondendo a un'interrogazione del consigliere 5 Stelle Appio Antonelli. «Tutti gli atti amministrativi, gli atti di indirizzo sono stati effettuati» ha spiegato l'assessore. «Stiamo adesso decidendo con gli uffici su come realizzare la segnaletica verticale. Ci sono varie idee: la cicogna sì, cuoricini, non cuoricini, fiorellini, abbiamo pensato di mettere la semplice “P” di parcheggio rosa». Insomma siamo fermi lì, sul cuoricino o il fiorellino. Intanto le mamme aspettano.