Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Lupi scatenati sugli Aurunci. Una vera e propria piaga per la pastorizia
0

Lupi scatenati sugli Aurunci. Una vera e propria piaga per la pastorizia

Formia

La presenza di lupi sui monti Aurunci continua a preoccupare. A subire dei danni questa volta le poche famiglie del comprensorio che stanno mantenendo in vita un’attività tradizionale quanto importante, quale è appunto la pastorizia. Ieri mattina un altro puledro è stato sbranato dai lupi. Il piccolo del cavallo apparteneva al pastore Michele Minchella che ha già perso il terzo animale in questo modo. Per non parlare delle 40 capre o dei vitelli che hanno subito la stessa sorte. Un fenomeno che si sta diffondendo sempre più e che sta procurando allarme ed anche rabbia tra i pastori che vedono in questo modo vanificare i loro sacrifici per allevare gli animali.
Tra l’altro da qui a giugno dovrebbero nascere altri puledri e non vorrebbero che venissero aggrediti allo stesso modo. Da qui un appello alle istituzioni o agli enti competenti affinchè si faccia qualcosa per evitare ulteriori episodi di questo genere. «Non possiamo continuare a subire questi danni - ha detto Michele Minchella -. Va bene proteggere i lupi, ma bisogna anche tutelare la nostra attività che portiamo avanti con tanta passione e sacrifici». E l’appello generale dei pastori è rivolto in particolare all’ente parco degli Aurunci. I timori per la presenza dei lupi si unisce a quelli per i cinghiali che hanno scatenato preoccupazione e rabbia in particolare tra gli agricoltori che spesso si sono ritrovati con i loro raccolti devastati, oltre che i recinti dei campi danneggiati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400