Il sindaco continua: "Essere sindaci vuol dire anche assumersi la responsabilità del proprio operato. E’ accaduto già in passato con altre vicende nell’ambito delle quali ho chiarito la mia posizione dimostrando di avere sempre operato solo ed esclusivamente nell’interesse della città.

Fornirò anche in questo caso tutte le spiegazioni che mi saranno richieste. Devo dire che, più di altro, mi fa male l’accusa di voto di scambio, pratica che in tutta la mia vita politica ho sempre combattuto. Ho spesso affrontato situazioni delicate sotto il profilo sociale. L’ho fatto cercando soluzioni e senza mai chiedere niente in cambio. Ho massimo rispetto per l’operato della magistratura e altrettanto ne ho per la città che, ritengo, non pagherà alcun prezzo per questa vicenda dal momento che l’Amministrazione proseguirà il suo lavoro nel solco tracciato dal programma elettorale.

Mi confronterò ora con la mia maggioranza e, insieme, troveremo le forme più consone per tutelare l’interesse della città".