Per dieci anni la favola dell’Ismef e della ristrutturazione della ex fabbrica Sieci è stata raccontata sempre nello stesso modo. Adesso si scopre che sono andati perduti 30 milioni di euro, che un progetto di restyling delle Sieci non è mai stato redatto, e quindi i fondi sono andati in perenzione, e che si nutrono fortissimi dubbi su come sono stati spesi i soldi per l’alta formazione professionale (una somma che supera gli 8 milioni di euro). Lo Stato e per esso il Ministero della Infrastrutture e dei Trasporti nel 2005 stipula una convenzione con l’Ismef, una onlus che non è tenuta a farsi controllare i bilanci, la gestione di poco meno di quattro milioni di euro l’anno da spendere per non più della metà (due milioni) nella ristrutturazione delle Sieci e per il resto in corsi formativi per dipendenti di aziende del settore della Nautica, dietro adeguata rendicontazione.

(Articolo completo su Latina Oggi del 13 Marzo 2016)