Individuata, nel peschereccio "Rosinella", affondato nel Golfo di Gaeta, una seconda salma. A individuarla il personale del cacciamine "Gaeta" della Marina Militare, nell’ambito delle attività di investigazione subacquea iniziata ieri, a seguito della richiesta della Procura di Cassino. Dopo l’autorizzazione dell’ autorità giudiziaria, è stato così recuperato anche il secondo corpo che, una volta issato a bordo, attraverso l’impiego del mezzo subacqueo - Remoted Operated Vehicle (ROV)  “PEGASO” – è stato trasbordato  sulla motovedetta CP 308 della  Capitaneria di Porto per il trasferimento in porto a Gaeta. Al momento, la salma non è stata identificata. E il cacciamine "Gaeta" continua le operazioni di investigazione subacquea in zona.