Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

.




Sequestro di persona e lesioni alla ex. Giovane condannato a due anni

Tribunale di Cassino

0

Provocò un incidente con una vittima, 48enne patteggia

Gaeta

Ha deciso di patteggiare l’uomo di 48 anni di Lucca che il 15 dicembre scorso, a bordo della sua autovettura, una Mitsubishi, si scontrò con una Fiat 600 sulla Flacca - al confine tra i territori dei Comuni di Formia e Gaeta -, dove viaggiava Dea Vitali di 70 anni di Gaeta e suo marito. Quest’ultimi entrambi feriti, ma la donna ebbe la peggio ed arrivò in ospedale già in arresto cardiaco. L’altro ieri si è tenuta l’udienza davanti al Gup Angelo Valerio Lanna del tribunale di Cassino. Le persone offese, marito e i due figli della 70enne deceduta, erano assistiti dagli avvocati Pasquale Di Gabriele ed Enrico Lisetti.
Giuseppe P. di 48 anni è accusato di omicidio colposo «perché, per colpa consistita in negligenza, imprudenza e imperizia» in quanto in violazione dell’articolo che regola la modalità di svolta a sinistra e della norma che dispone l'obbligo, quando si sta per impegnare un'intersezione, di dare la precedenza a chi proviene da destra, «alla guida dell'autovettura Mitsubishi, effettuava una manovra di svolta a sinistra per immettersi in area privata, in presenza di doppia striscia continua di mezzeria, in modo irregolare quanto non si accostava il più possibile all'asse della carreggiata e non eseguiva la svolta in prossimità del centro dell'intersezione, senza altresì concedere la precedenza all'autovettura Fiat Seicento con a bordo quale passeggera Vitali Dea, che percorreva la stessa strada con direzione di marcia opposta, cagionando a Vitali Dea lesioni consistite in “trauma da incidente stradale con shock emorragico e tamponamento cardiaco” che ne causavano la morte».  Nel corso dell’udienza il 48enne ha patteggiato una condanna ad un anno pena sospesa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400