Il Latina Calcio si interroga sul suo futuro e su quella che è stata, sotto ogni punto di vista, una domenica da dimenticare. Prima la sconfitta con l'Entella, poi il rigore non cocesso e le due espulsioni, infine la contestazione al presidente Maietta. Il suo vice, Antonio Aprile, ieri ha tuonato: "Sono profondamente amareggiato per la contestazione che Pasquale ha ricevuto a fine gara, è come se l'avessi ricevuta io e, sinceramente, nessuno dei due la merita, non la merita nessuno. La gente non sa quanti sacrifici stiamo facendo per tenere in B questa squadra: ci mettiamo soldi e fatica, non chiacchiere. Una cosa è certa, e lo dico a chi mi leggerà: lotterò sino alla fine contro tutto e tutti, su questo potete starne certi"