Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

.




Iuliano ancora senza  Corvia e Dumitru
0

Iuliano ancora senza
Corvia e Dumitru

Latina Calcio

Ultimi ritocchi per il Latina in vista del posticipo di domani pomeriggio (ore 17.30) in programma al “Francioni” per l’ottava giornata di Serie B da giocare contro il Perugia. I nerazzurri si alleneranno questa mattina all’ex “Comunale”, a porte chiuse, prima di partire per il ritiro da dove assisteranno da spettatori alle sfide delle avversarie cadette impegnate oggi.

Ballottaggi
in difesa dove
Baldanzeddu
ed Esposito
chiedono un posto
dal primo minuto.

Per Iuliano non dovrebbero esserci emergenze particolari, fatta eccezione per i due attaccanti, Corvia e Dumitru, che si trascinano dietro ormai da dieci giorni i rispettivi problemi muscolari. Entrambi out a Modena, per tutti e due sembrano ancora bassissime le probabilità di poterli vedere anche solo tra i convocati per affrontare il“Grifo”, ormai storico avversario nerazzurro dopo le “battaglie” sportive giocate tra Lega Pro e Serie B. Le chance maggiori sembra averle al momento Dumitru.

L’esterno d’attacco italo-svedese sembra recuperato e in buona forma, anche se lo staff sanitario dei pontini potrebbe optare per non rischiare una ricaduta come era successo nel corso del match perso al “Francioni” contro il Bari. Contro i pugliesi arrivò anche lo stop di Corvia, che Iuliano preserverà per averlo al meglio della condizione nella gara di Como in programma sabato prossimo, 24 ottobre. D’altronde non sembrano esserci i motivi per accelerare i tempi di recupero aumentando il rischio di fare ancora più danno.

Le risposte arrivate a Modena dagli attaccanti, infatti, sono state concrete e confortanti per il tecnico cosentino. Acosty e Scaglia sono delle costanti spine nel fianco per gli avversari, mentre è parso in crescita anche Jefferson, che al “Braglia” ha saputo sostenere bene il peso dell’attacco sulle proprie spalle per l’intero corso della partita. E scalpitano, poi, anche i“baby” in panchina. Talamo, che è finito nel dimenticatoio, ma soprattutto Bandinelli, il giovane ex capitano della Fiorentina Primavera che giovedì ha sfoggiato una doppietta spettacolare (segnando a Di Gennaro) nel test contro la Primavera nerazzurra. 

A centrocampo le scelte sono praticamente fatte. Olivera e Schiattarella hanno dimostrato di essere semplicemente insostituibili, così come Ammari, unico in grado di far fare il cambio di passo ai nerazzurri e fungere da raccordo tra centrocampo e attacco. Le sue folate, insieme a quelle di Schiattarella, a Modena hanno permesso di avere più di un uomo in mezzo all’area di rigore quando la palla spiove dalle fasce. Un dato che, seppure i nerazzurri non sono riusciti a sfruttare, avrà sicuramente convinto Iuliano nell’insistere nel 4-2-3-1. 

Sempre restando in mediana, sta meglio e spera in uno scampolo di partita Joseph Minala, il giovane camerunense che potrebbe essere il primo ricambio viste le non perfette condizioni fisiche di un Moretti rimasto fuori per tutta la gara di Modena, domenica scorsa. Chi, invece, spera di avere più minutaggio è Marco Marchionni, l’ex Sampdoria che, però, sembra ancora lontano da una condizione invidiabile. In difesa Iuliano potrebbe pensare di cambiare qualcosa.

Sì, perché Ivano Baldanzeddu sembra ormai pronto per fare il suo tanto agognato ritorno in campo dopo praticamente un anno di assenza. L’ex Spezia, a differenza di Bruscagin, assicurerebbe una maggiore spinta in avanti, anche se il tecnico dei pontini non vorrà rischiare di avere due esterni bassi di spinta con la paura di lasciare troppo sguarnita la difesa. Al centro la rodatissima coppia Brosco-Dellafiore sarà quella titolare, anche se c’è un Esposito che chiede spazio dalla panchina. Ballottaggi che Iuliano vorrà sciogliere oggi nell’ultimo allenamento prima della sfida contro il Perugia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400