Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Ora il Latina deve sfruttare  questo mese favorevole
0

Ora il Latina deve sfruttare
questo mese favorevole

Latina Calcio

Il tecnico Iuliano, sull’argomento, ha già glissato e, sicuramente, non ha tutti i torti: «Le partite vanno giocate, il campionato di serie B è terribile, di scontato non c’è assolutamente nulla».Tutto vero, ma un conto è affrontare “corazzate” come Cagliari e Bari ed un altro è affrontare formazioni, come Como, Ternana e Brescia, che come il Latina hanno come obiettivo primario il raggiungimento, prima di tutto, della salvezza. Poi, a quota dodici in classifica, il Latina è giusto che, in cuor suo, cominci a guardare anche più in là del proprio naso.

La squadra
sta acquisendo
la giusta mentalità
Adesso è pronta
al salto di qualità.

Perchè, magari anche con un pizzico di fortuna e, nel contesto, ritrovando giocatori importanti come Corvia, Dumitru e Moretti, può davvero pensare ad un filotto di vittorie che, nelle prossime tre partite, possa lanciarlo definitivamente nei quartieri alti del campionato cadetto. Le due vittorie consecutive ottenute contro Modena e Perugia, poi, fanno venire, inevitabilmente, l’acquolina in bocca.

Soprattutto quella di domenica contro gli umbri, ottenuta contro, al di là dell’attuale classifica, una signora squadra, riuscendo nella rimonta e, soprattutto, assorbendo la sofferenza di un finale di partita sin troppo affannoso, nel migliore dei modi. Tradotto in termini pratici, questo Latina ha carattere da vendere e, soprattutto, sta imparando, anche a sue spese (vedi la gara interna con il Bari) che, pur andando in riserva, può lottare con il coltello tra i denti, trovando modo e tempo per portare a casa il risultato. Le parole a fine partita di Iuliano, poi, sono state sin troppo eloquenti: «Ora la mia squadra se la deve godere questa vittoria». Nel senso che, il successo ottenuto domenica con il Perugia, arrivato al termine di una gara molto sofferta, può davvero valere doppio in chiave futura dal punto di vista mentale.


La consapevolezza dei propri mezzi, nonostante le assenze e il fatto di giocare al limite delle forze pur di centrare l’obiettivo, è un qualcosa che sta portando il Latina a maturare, ad essere figlio legittimo del proprio allenatore. «Questo è un grande gruppo, arriverà molto presto il momento in cui non dovrò più dire nulla, nè in campo, nè tantomeno nello spogliatoio». Parole, queste, dettate da Iuliano ai cronisti alla vigilia della sfida con il Perugia e che hanno trovato conferma in quella che è stata la partita di Olivera e compagni. Bravi a rimontare lo svantaggio iniziale e, dunque, a non cadere in depressione e, soprattutto, a saper soffrire, tenendo in piedi la partita.

Il recupero di giocatori importanti
come Corvia, Dumitru
e Moretti fondamentale
per l’ulteriore crescita.


La partita con il Perugia, dunque, ha finito per regalare agli appassionati un Latina ancora più tosto, finendo con il confermare, cosa non certo di poco conto, quello che si era visto al “Braglia” di Modena dove, anche in quella circostanza, la squadra di Iuliano aveva saputo attendere il suo momento, riuscendo a far sfogare i padroni di casa, prima di colpire. Ora la formazione nerazzurra ha la ghiotta opportunità di dare un seguito a quanto di buono fatto in queste ultime due partite. Iniziando da Como, sabato prossimo, contro una squadra che, dopo otto partite di campionato, è ultima in classifica con cinque punti, frutto di una vittoria, due pareggi e cinque sconfitte. Sarà, questa, la prima di un trittico di partite che, poi, proseguirà con la sfida interna del 27 ottobre contro la Ternana dell’ex Breda e con la trasferta di sabato 31 ottobre a Brescia.


Tre partite, insomma, sulla carta sicuramente accessibili per la squadra di Iuliano che ha risposto alle sconfitte, peraltro immeritate, contro Cagliari e Bari, con altrettante vittorie, che l’hanno lanciata nella parte sinistra della classifica, a ridosso delle formazioni di testa di questo campionato cadetto. Tra il Crotone capolista, infatti, e il Latina che, unitamente al Pescara, occupa l’ottava posizione, ci sono soltanto cinque punti, a dimostrazione che il campionato di serie B, non si smentisce mai, proponendo ogni stagione, un livellamento sia in testa, che in coda. Cosa che, puntualmente, sta accadendo anche ora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400