Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

.




alessandro calvi
0

Una biblioteca multimediale: il progetto di Calvi per la cultura

Latina

Creare una biblioteca multimedale, grande e degna di un capoluogo di provincia. Tra i punti inseriti nel programma elettorale Alessandro Calvi, candidato sindaco di Forza Italia, ha messo anche questo.

"Voglio lasciare un segno importante nella mia città e per la mia città. La volontà è quella di realizzare la grande biblioteca comunale multimediale presso l’area del mercato annonario. Da mesi ormai parliamo di questo grande progetto, inserito tra i primi punti del programma elettorale – ha assicurato il candidato sindaco di Forza Italia, Alessandro Calvi -. Si tratta di un'opera pubblica di importanza fondamentale per i giovani e tutta la popolazione. E’ dai tempi di Corona e Redi che a Latina non vi è traccia di una grande opera pubblica. L’ultima volta fu il Palazzo della Cultura e adesso sentiamo la necessità di fare un regalo al nostro territorio, in pieno centro.
La struttura attuale di Piazza del Popolo è troppo piccola e ormai superata. C’è la corsa al posto per potersi sedere e studiare, un fatto inaccettabile per una città come la nostra, che vanta diverse facoltà universitarie e un numero elevato di studenti.

L'imperativo, quindi, è creare un edifico completamente nuovo e per biblioteca multimediale intendiamo un ambiente urbano di aggregazione sociale, uno spazio pubblico attrezzato per incontrarsi, studiare, comunicare e consolidare quel senso di appartenenza che è un elemento irrinunciabile per identificare e mantenere unita la collettività. Uno spazio su due piani, innovativo, all’avanguardia, una struttura che risponde a pieno alle esigenze di riqualificazione urbana e sociale, una attrazione, il motivo per far vivere veramente la città ai nostri studenti, che avranno così una giusta ragione per non scappare da Latina, divenuta oramai città universitaria a tutti gli effetti.
Questo sarà il mio atto d’amore per Latina, un sogno che diventerà finalmente realtà. 

La biblioteca, quindi, non sarà solo un magazzino di libri ordinato per argomenti e un luogo di conservazione e promozione della cultura, ma anche un laboratorio di informazione, creatività, scambio di idee, una porta d’accesso e uno strumento d’orientamento nell’universo multimediale. Uno spazio visto non più come istituzione indipendente e statica, bensì come elemento dinamico a servizio dell’intera comunità. Si programmeranno orari di apertura notturni, come nei più prestigiosi centri culturali mondiali, con l’obiettivo di tenerla sempre attiva e in funzione. Negli spazi sotterranei saranno ricavati numerosi parcheggi, in modo da rendere più facile e veloce l’accesso in Biblioteca 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400