Accusato di estorsione, rapina e di aver appiccato un incendio, Federico Esposito, genero di Costantino Di Silvio, detto Cha Cha, ha fatto scena muta davanti al gip Laura Matilde Campoli. Il 28enne, residente a Cisterna, messo in carcere su ordine del giudice, assistito dall'avvocato Alessia Vita, questa mattina si è avvalso della facoltà di non rispondere. Secondo gli inquirenti, facendosi forte del nome del suocero, ritenuto il capo dell'organizzazione criminale al centro del processo Don't touch, Esposito avrebbe preteso abiti griffati e denaro dai commercianti del centro di Latina. E proprio come Cha Cha il giovane sarebbe andato pazzo per le griffe, tanto da cercare di estorcere appunto un giubbotto nello stesso negozio di abiti griffati dove Costantino Di Silvio sarebbe stato solito fare spesa gratis.