Nell'area di Mazzocchio, come accertato dalle analisi dell'Arpa, persiste una grave situazione di inquinamento. A lanciare l'allarme è il Consorzio, che ha comunicato il problema agli enti preposti affinché ordinino il divieto d'utilizzo delle acque per irrigazione e pesca. Da quanto emerso, il fenomeno di inquinamento è dovuto alla presenza di sostanze contaminanti quali pesticidi clorurati, idrocarburi pesanti e metalli. Il personale consortile continua a monitorare quotidianamente il sito affinché i corsi d’acqua non vengano contaminati, soprattutto quelli posti a valle del fosso Rimbraccio delle Piniette che confluisce nel fosso Piniette immissario del fiume Ufente.