Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

.




Stabilimento balneare chiuso, i residenti nella zona si affidano a un legale

Il lido quando venne sequestrato

0

Decade la concessione del Lido di Enea

Latina

l Comune di Latina ha dichiarato la decadenza della concessione demaniale marittima rilasciata nel 2007 al titolare dello stabilimento balneare Lido di Enea. La struttura, come le altre dieci che si trovano sul tratto di litorale compreso tra Capoportiere e Foce Verde, era stata oggetto di un analogo provvedimento nel febbraio scorso, dopo la mancata ottemperanza all’ordine di smontare gli stabilimenti. A «sanare» la questione era poi intervenuto il Tar, con una ordinanza che annullava il provvedimento del Comune. Ma con l’avvio della stagione balneare, a differenza di tutti gli altri, lo stabilimento Lido di Enea non aveva riaperto i battenti, venendo cos’ meno all’obbligo di garantire il servizio pubblico, come previsto dalla concessione demaniale. In seguito ad un esposto dei residenti della zona, che lamentavano appunto i disagi provocati dalla mancata apertura della struttura, gli uffici comunali hanno verificato che effettivamente il Lido di Enea non ha mai aperto durante la stagione 2016, costringendo così il dirigente dell’ufficio Demanio ad avviare un procedimento amministrativo teso alla revoca della concessione. A nulla sono valse le osservazioni proposte dal titolare della struttura, perché ieri sul sito del Comune di Latina è stato pubblicato il provvedimento di revoca. Entro 30 giorni il Lido di Enea dovrà essere rimosso e l’area demaniale attualmente occupata dovrà essere liberata. L’ex concessionario ha comunque 60 giorni di tempo per impugnare il provvedimento davanti al Tar e chiederne la sospensiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400