Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 02 Dicembre 2016

.




Giro di vite sui  ticket “anomali”
0

Caos sui “ticket anomali”,
ancora proteste

Latina

Nonostante i chiarimenti della Regione Lazio i cittadini continuano a sollevare dubbi riguardo le notifiche su medicinali ottenuti con relativa convenzione cinque anni fa e per cui ora l’ente chiede il rimborso. Sul caso dei 235mila cosiddetti “avvisi bonari” per il recupero dei ticket evasi si inserisce anche la Confconsumatori di Latina, che a seguito delle numerose segnalazioni pervenute definisce l’intervento della Regione Lazio come caotica. «Numerosi sono i disguidi che si stanno verificando e pertanto chiediamo pubblicamente al Presidente della Regione Lazio Zingaretti di prendere una posizione chiara e precisa in merito alle seguenti disfunzioni che sono sotto gli occhi di tutti».

Tra le mancanze
quella di un ufficio
informazioni,
per ora istituito
soltanto a Roma.

Tali disfunzioni sono nello specifico: mancata predisposizione di un call center adeguato; nessuna indicazione in merito alle prestazioni sanitarie e ai farmaci per cui non sarebbe stato pagato il ticket; l’esistenza di un ufficio fisico per ricevere informazioni solo a Roma e non a Latina; sono state recapitate lettere a soggetti minorenni, oltre che duplicati e anche triplicati gli accertamenti con maggiorazione di costi di recupero. Inoltre si è deciso di non predisporre una procedura di rateizzazione e di agire solo dopo 7 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400