Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

.




Evade dai domiciliari Scattano le manette

Foto d'archivio

0

"Narcos", per importare la droga dalla Colombia si utilizzava anche un chimico

Giudiziaria

C’erano i viaggi frequenti in Colombia, gli imprevisti da affrontare come quando una partita di droga è stata «impregnata» scrivono i carabinieri da una sostanza che in realtà doveva eludere i controlli ma che invece ha «marchiato» la cocaina. E c’erano anche i suggerimenti di un chimico. C’era soprattutto l’organizzazione nell’inchiesta ribattezzata Narcos come emerge dalle carte e dalla corposa ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip. Nelle conversazioni gli indagati parlano in una circostanza proprio del problema di una partita di cocaina difettosa che non va più bene; la crema utilizzata per depistare qualche investigatore zelante e di cui è impregnata la droga, ha avuto i suoi effetti come emerge in una intercettazione. Inizieranno questa mattina invece i primi interrogatori di garanzia nei confronti degli indagati che sono stati arrestati nell’ambito dell’operazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400