Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Caos in Forza Italia, Rognoni si dimette da portabandiera

Massimiliano Rognoni

0

Caos in Forza Italia, Rognoni si dimette da portabandiera

Nettuno

Con una lettera datata 20 gennaio 2016 e indirizzata ai Coordinatori regionale e provinciale del partito azzurro (rispettivamente Claudio Fazzone e Adriano Palozzi), il politico di Nettuno Massimiliano Rognoni - consigliere comunale dal 1998 al 2005 - ha lasciato l'incarico di portabandiera cittadino di Forza Italia.

Questa la lettera consegnata ai vertici forzisti:

"Il sottoscritto Massimiliano Rognoni, portabandiera Fi Nettuno, simpatizzante ed iscritto a questo partito, dal lontano 1999, Vi scrive per manifestare lo stato di profondo malessere, mio personale e di tanti amici militanti e simpatizzanti. La situazione di Nettuno ha portato alla luce, per l'ennesima volta, l'assoluta mancanza di dibattito, confronto, trasparenza e democrazia all'interno del nostro partito. Scelte calate dall'alto, senza coinvolgere la base, senza che i nostri iscritti, persone che hanno creduto e vorrebbero credere ancora nel messaggio del presidente Silvio Berlusconi, tenuti all'oscuro di tutto, con i soliti "giochetti" politici e senza l'opportunità di contribuire alle scelte importanti che oggi dovremmo prendere, abbiano potuto esprimere la propria opinione. Per questo ritengo la misura colma e denuncio l'impossibilità di continuare a gestire il partito in questa maniera. Non è questo il partito che sognavo, questa non è la Forza Italia che ha portato me, e come me tanti altri, a fare battaglie in consiglio comunale prima, in mezzo alla gente poi, per convincere il nostro elettorato ad aiutarci. Chi, come me, fa politica con passione e spirito di servizio, non come professione, sottraendo tempo al lavoro e alla famiglia, sogna un partito che sia una piramide rovesciata, in cui è la base che confrontandosi democraticamente detta le linee guida, in cui sono i territori a poter, anche
dopo accesi dibattiti se necessario, scegliere i propri rappresentanti, in cui, anche l'ultimo nostro elettore, possa sentirsi protagonista e parte attiva. Tutta questa vicenda mi lascia l'amaro in bocca, avevo accettato con generosità ed orgoglio l'incarico di portabandiera, con tutto me stesso ho tentato di rimettere in piedi i cocci di un partito che non c'era più, ho subito attacchi di ogni genere ma per il bene del partito ho mantenuto la calma. Per tutta risposta a questo mio atteggiamento, da parte vostra, vertici del mio partito, ho ricevuto assoluta noncuranza, delegittimarmi costante ad ogni azione politica. In questo momento, mi sento tradito ed umiliato. Umiliato come persona, perché non avendo mai avuto padroni, non vorrei averli neanche ora. Per l'ennesima volta temo si stia perdendo l'occasione, per l'ennesima volta i giochi di palazzo prevalgono sul buonsenso, per l'ennesima volta ci ritroveremo a domandarci il perché del calo di consensi. Anzi, questa volta ve lo domanderete perché io dico BASTA, io rassegno, con effetto immediato e senza possibilità di ripensamenti, le mie dimissioni da portabandiera FI".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400