Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Rissa nel porto, arrestati in tre

Le Volanti della polizia di Anzio

0

Rissa nel porto, arrestati in tre

Anzio

Il fatto ha visto coinvolte diverse persone, tra cui due giovani di Aprilia

Tragedia sfiorata, attorno alle 14 di ieri, all’interno del porto di Anzio, nella zona dove si trovano i noti ristoranti neroniani. Diverse persone - tra protagonisti e vittime dell’accaduto - sono rimasti coinvolti in una rissa che, al termine del tutto, si è conclusa con l’arresto di tre persone, due giovani di Aprilia e uno straniero di origine senegalese, clandestino sul territorio italiano. Nello specifico, i due ragazzi di Aprilia, di 23 e 27 anni, stavano pranzando in un locale quando l’ambulante straniero avrebbe insistito per vendere loro dei calzini. Al loro rifiuto - e forse all’invito del proprietario del locale - l’ambulante si sarebbe prima allontanato e poi sarebbe tornato. In tale frangente, stando a quanto trapelato ieri, lo stesso avrebbe insultato i due giovani, con uno di questi che, dopo un primo litigio, sarebbe andato in mezzo alla strada iniziando la zuffa. Subito dopo sarebbe arrivato l’altro ragazzo e sarebbe quindi nata la rissa. È in questo momento che il più giovane dei due italiani avrebbe preso una bottiglia vuota del vino per scagliarla contro lo straniero: purtroppo, però, costui si sarebbe abbassato e la bottiglia sarebbe finita contro la testa di una donna di Roma che stava pranzando in un vicino ristorante. La signora, che fino a poco prima aveva tenuto in braccio una bambina, sarebbe finita in terra: il marito, a quel punto, vedendo la donna a terra, sarebbe a sua volta intervenuto - discutendo - contro l’uomo che aveva scagliato la bottiglia, col risultato di venire colpito dai due italiani, anche al volto. A quel punto, nel porto sono arrivati i poliziotti del commissariato di Anzio - con due Volanti coordinate dall’ispettore capo Roberto Federici - e le ambulanze del 118, che hanno portato i feriti all’ospedale “Riuniti”. Qui, la donna - che non è in pericolo di vita - è stata medicata con dei punti in testa e, per il trauma cranico riportato, ha ricevuto 15 giorni di prognosi; il marito, invece, ha riportato la frattura del setto nasale. I due apriliani e il senegalese, invece, sono stati accompagnati in commissariato e arrestati per l’ipotesi di rissa. Questa mattina, dovrebbero esser stati giudicati per direttissima a Velletri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400