Mai più frutta e verdura all'aperto, con il rischio che gli alimenti vengano contaminati dagli scarichi delle auto e non solo. Alla luce della sentenza della Corte di Cassazione, che ritiene tale pratica una violazione degli obblighi di garantire un'idonea conservazione del cibo in vendita, il sub commissario del Comune di Nettuno, Roberto Leone, ha emesso un'ordinanza. Vietato esporre frutta, legumi, erbaggi, e altri generi alimentari fuori dai locali di vendita, sia su suolo pubblico che privato, fatta eccezione per i mercati, purché i banchi di esposizione abbiano caratteristiche ben determinate. I trasgressori, oltre alla denuncia penale, rischiano la chiusura dell'attività da 3 a 5 giorni.