Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

.




Nuovi graffiti al Cavone  Inciviltà infinita nel Borgo
0

Nuovi graffiti al Cavone
Inciviltà infinita nel Borgo

Nettuno

Non c’è davvero pace, a Nettuno, per via del Cavone, il camminamento di ronda del Borgo medievale che volge verso il porto turistico. Alcune notti fa, infatti, i “soliti” vandali hanno messo a punto l’ennesimo raid in zona, imbrattando praticamente tutta la zona con scritte e “tag”, danneggiando seriamente le storiche pareti del Borgo e il nuovo selciato che, meno di un anno fa, è stato realizzato grazie a dei fondi che il Comune aveva reperito dalla Regione.

Ogni mattina
non mancano accumuli
di sporcizia lasciati da coloro che frequentano
la zona durante la notte
Serve la videosorveglianza.


Una scorribanda senza senso che, almeno per il momento, sembra non avere responsabili identificati né testimoni oculari dell’accaduto, con i beni pubblici che sono stati nuovamente presi di mira per ragioni ignote. Resta da capire, infatti, quale gusto si provi nel danneggiare una delle più suggestive e caratteristiche zone di Nettuno che potrebbero essere un volano per attrarre i turisti e che invece, allo stato attuale, non sono altro che un avvilente monumento al degrado. Soltanto poco meno di un anno fa, infatti, il Cavone era stato totalmente riaperto al pubblico dopo la sua sistemazione, con tutte le pareti ripulite dalle orribili scritte e gli arredi rinnovati.


La zona si era trasformata in un gioiello, con le persone che stavano tornando a passeggiare con regolarità lungo il camminamento di ronda. Poi - dopo qualche tempo - i primi vandalismi contro panchine e cestini getta-carte, qualche scritta qui e là e tanta sporcizia lasciata nottetempo. Il tutto fino allo scorso fine settimana, quando il Cavone è stato nuovamente invaso dai graffiti. In più, tanti i rifiuti abbandonati durante la notte e che - giusto per fare un esempio - nella tarda mattinata di lunedì 19 ottobre, intorno alle 12.20, erano ancora sparsi lungo gran parte della via che volge al porto turistico.


Insomma, una situazione che sta per trasformarsi in emergenza, coi residenti di zona che sono tornati a chiedere “rispetto”per il Borgo medievale: l’ideale sarebbe installare un sistema di videosorveglianza efficace - soprattutto durante le ore notturne - col chiaro fine sia di dissuadere eventuali vandali che di vigiliare sulla zona e intervenire in caso di scempi come quelli messi in atto nei giorni scorsi. In più, già in passato, era stata proposta l’installazione di cancelli nei pressi dei due ingressi del Cavone, col chiaro fine di chiudere la zona nelle ore notturne, così come accade per via dello Steccato, cioè l’altro camminamento di ronda del Borgo che volge verso viale Matteotti. Insomma, soluzioni che potrebbero anche essere a portata di mano e che dovranno essere vagliate dal Comune, visto che il Cavone è un’area pubblica tra le più preziose della città medievale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400