Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Isonzo Residence, la Srl con mogli e cognati vip

Il terreno su cui Isonzo Residence dovrebbe sorgere

0

Isonzo Residence, la Srl con mogli e cognati vip

Latina: coinvolti Di Rubbo, Nasso e Gatto

Un tempo la politica si lasciava blandire dai costruttori e dai palazzinari in cambio di una progettazione affidata a uno studio amico, di una direzione lavori ipotecata per un tecnico di partito, oltre all’immancabile sostanzioso sostegno economico durante la campagna elettorale. Poi, a forza di fare gli apprendisti nella bottega dei padroni della città, i soliti costruttori ovviamente, i politici hanno imparato il mestiere e accorciato le distanze col mondo degli affari.
Si sono messi in proprio.
Assessori e consiglieri comunali creano società insieme a imprenditori del mattone, acquistano terreni inappetibili che le delibere e i piani urbanistici trasformano in miniere d’oro. E si arricchiscono.
La storia che vi raccontiamo parla di questo, della trasformazione della classe politica in classe imprenditoriale, della conquista militare del palazzo per farne il fortino attrezzato da cui muovere all’assalto della materia più remunerativa di qualsiasi amministrazione locale: l’urbanistica.
Come abbiamo già raccontato nei giorni scorsi, nel 2007 una determina del dirigente dell’Urbanistica mette nero su bianco che a ridosso della città, a valle di via dell’Agora, c’è una zona agricola che va «ricucita» con il centro urbano, e che dunque merita di essere sottoposta ad uno studio di fattibilità per la pianificazione. Si affida l’incarico a tre professionisti esterni e si aspetta. Fino al 12 febbraio 2009, quando la Commissione Urbanistica affronta lo studio di fattibilità per l’ambito compreso tra la zona L e la zona H compresa tra via dell’Agora e via Regione Veneto. Il piano di intervento proposto dai tecnici esterni piace a tutti, anche all’opposizione, e il parere della Commissione Urbanistica è unanime e favorevole. Uno dei più convinti sostenitori del nuovo intervento urbanistico è l’allora consigliere di maggioranza Giuseppe Di Rubbo, che tradendo una certa fretta si spinge anche a chiedere se sia possibile che lo studio di fattibilità in variante al Prg sia anche già applicativo, cioè non necessiti di un nuovo Piano particolareggiato per essere attuato.
Il motivo della fretta? Dal parere favorevole della Commissione Urbanistica trascorrono soltanto 13 giorni: il 25 febbraio 2009 viene costituita la srl Isonzo Residence, di cui fanno parte quattro diverse società, la Alicris 1^ srl; la Fly Immobiliare srl; la Da.Gi. Costruzioni srl; la Prestige House srl; la Link srl. In una di queste, la Fly, troviamo tra gli altri l’allora consigliere comunale Marco Gatto; nella Link, subito uscita di scena con una cessione di quote, c’è la moglie di un consigliere; in un’altra, la Alicris, c’è un altro consigliere comunale, Michele Nasso; in un’altra ancora, ci sono la moglie e il cognato di un altro consigliere comunale, Giuseppe Di Rubbo. Fin qui tutto normale, benché sospetto. La svolta c’è un mese dopo, quando il 30 marzo 2009 la Isonzo Bmp, titolare di una parte consistente dei terreni agricoli che si trovano appunto tra via dell’Agora e via Regione Veneto, sottoscrive un compromesso per vendere e trasferire alla Isonzo Residence srl i diritti sulla metà indivisa di un terreno di 5,75 ettari, fissando il prezzo della compravendita in 650.000 euro. Quando dal compromesso si passerà alla compravendita vera e propria, l’8 luglio 2014, Michele Nasso è assessore allo Sport, e Giuseppe Di Rubbo è assessore all’Urbanistica. E’ al corrente delle iniziative imprenditoriali di moglie e cognato? Dal certificato di destinazione urbanistica del terreno chiesto dalla parte cedente e rilasciato dagli uffici comunali il 12 dicembre 2013, risulta che quel terreno è agricolo, è interessato da fascia di rispetto stradale, ed è interessato in parte dagli effetti della legge regionale 24/98 sulle aree boschive. Ma inspiegabilmente, la metà di quel terreno viene pagata 650.000 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400