Un compenso da 30mila euro (per un totale di 37mila euro compresa l’Iva) ad un tecnico per un’indagine nella discarica di Borgo Montello finanziata dalla Provincia per produrre due pagine e mezzo di verbale e una mappatura della zona.

Questo il risultato di una consulenza dell’ente di via Costa per gli scavi dell’invaso S0 al fine di individuare anomalie metalliche (ossia fusti tossici) nell’area.

Un procedimento che ha avuto luogo nel 2012, quando la Provincia, con la determina del 7 agosto (n.1362) incaricò un tecnico supervisore di eseguire l’indagine nel sito di Borgo Montello.

Ed è proprio su questa attività che il comitato dei residenti della zona ha chiesto l’accesso agli atti per visionare quanto prodotto dalla supervisione. Tutto è finito in un dossier alla Corte dei Conti.

(Articolo completo su Latina Oggi del 14 Febbraio 2016)