«La Regione Lazio ha previsto, nel 2016, un contributo di 3milioni e 102mila euro per il trasporto pubblico locale del Comune di Latina. A fronte di questa cifra, in linea con quanto stanziato già nel 2015, ritengo che l’amministrazione comunale del capoluogo e i sindacati possano organizzare la proroga del contratto senza traumi, scongiurando disservizi e tagli di personale». Lo dichiara, in una nota, il candidato sindaco di Latina e consigliere comunale del Pd Enrico Forte.

«In merito ai tagli su servizi e personale che l’Atral potrebbe attuare a Latina in seguito alla riduzione di fondi per la prosecuzione del contratto nel primo semestre 2016, ho effettuato un’attenta verifica presso l’assessorato ai trasporti della Regione Lazio.
La rimodulazione delle risorse per il 2016 -prosegue il candidato sindaco Pd - sarà perfettamente in linea con quanto messo a disposizione per tutto l’anno precedente: perciò il taglio complessivo sarà dell’11,5% su un totale di 3,6 milioni di euro, ovvero 390 mila euro l’anno. Secondo quanto appreso dall’assessorato, dunque, il taglio sarebbe di 190mila euro su base semestrale e non di 580mila euro.

Per tutto il 2016, dunque, la Regione trasferirà al Comune di Latina 3milioni e 102mila euro. E’ evidente che la decurtazione calcolata in 1.160.000 euro - cifra alla base delle preoccupazioni della società di trasporti e dei sindacati - appare ad oggi non veritiera.
La cifra complessiva per il Tpl che l’amministrazione regionale ha stabilito per l’intero territorio laziale nel 2016, ad esclusione di Roma Capitale, è di 64 milioni di euro: non si vede il motivo per cui Latina ne uscirebbe penalizzata.
La Regione - ribadisce Forte - mi ha rassicurato sulla reale entità delle risorse a disposizione, per questo ritengo che sia l’amministrazione comunale, sia i sindacati, potranno sedersi al tavolo con maggiore tranquillità e ridefinire le modalità per la prosecuzione del contratto in attesa della una nuova gara».