Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

.




Calcio e combine. Il Tribunale Federale Nazionale condanna Delli Carri: "In corso le indagini su Latina-Catania"
0

Calcio e combine. Il Tribunale Federale Nazionale condanna Delli Carri: "In corso le indagini su Latina-Catania"

I Treni del Gol

L'inchiesta partita da Catania che ha messo sotto la lente sei partite della scorsa Serie B

Una prima sentenza è arrivata. E’ quella che concerne il calderone dell’inchiesta «I treni del gol», partita dalla procura di Catania nell’estate scorsa che ha portato alla retrocessione degli etnei, rei di aver comprato attraverso i vertici societari sei partite dello scorso campionato di Serie B, tra cui quella in casa del Latina, al fine di salvarsi. Le pene riguardano il filone sportivo del processo, e sono state emesse dalla Tribunale Federale Nazionale riguardo la posizione dell’ex diesse dei siciliani, Daniele Delli Carri. Per lui arriva l’inibizione per 4 anni e ammenda di 80 mila euro. Assieme a lui è arrivata la mano pensante anche nei confronti di Luca Impellizzeri, ex amministratore delegato: inibito per 4 anni e 7 mesi ed una multa di 115 mila euro. Ammenda anche per il Catania, che dopo essere stata retrocessa con penalizzazioni in Lega Pro, dovrà sborsare 20 mila euro secondo la decisione del Tribunale Federale Nazionale - sezione Disciplinare - presieduto da Sergio Artico.
Una vicenda che evidentemente ha ancora molto, moltissimo da raccontare. La Procura Federale ha infatti portato avanti le indagini attraverso gli interrogatori di Stefano Palazzi che ha anche ascoltato la posizione del difensore del Latina, Matteo Bruscagin, unico indagato per quanto riguarda il club pontino e presente, secondo gli inquirenti, nella lunghissima ordinanza stilata dalla Procura di Catania, perché era lui a marcare Maniero in quel maledetto match del 19 aprile scorso e perché in qualche chiamata la cricca dedita alla compravendita delle partite usava il termine «Il treno delle 3», volendo indicare in quel modo, sempre secondo gli investigatori, il numero di maglia del giocatore da corrompere. A ricordare il coinvolgimento di tante società cadette nel caso è lo stesso Tribunale Federale nello stilare i capi di imputazione di Delli Carri che è stato ritenuto colpevole per... «aver offerto o promesso denaro o altra utilità o vantaggio ovvero compiendo altri atti fraudolenti volti al medesimo scopo e comunque contattando a tale fine calciatori dell’Avellino, del Varese, del Trapani, del Latina, della Ternana, e del Livorno, allo stato non identificati o in corso di compiuto accertamento o nei cui confronti sono in corso ulteriori indagini penali, con la conseguente accettazione o accoglimento della promessa da parte di questi ultimi e, comunque, con la partecipazione degli stessi all’attività finalizzata allo scopo di seguito descritto, al fine di raggiungere un risultato diverso da quello conseguente il corretto e leale svolgimento di tutte le citate competizioni sportive e favorendo la vittoria della squadra del Catania ai danni di quella avversaria».

(da Latina Oggi del 15/02/2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400