Al posto di quelli che erano gli uffici previsti per l'Agenzia di Pontinia dell'Enel potrebbero sorgere degli appartamenti. Sul progetto, tuttavia, dopo un esposto, è stata aperta un'indagine da parte della Procura e nella giornata di ieri gli agenti del Nipaf si sono recati in Comune per acquisire della documentazione. Dopo la soppressione della prevista Agenzia di Pontinia dell'Enel, che sostanzialmente consisteva nell'apertura di una sede distaccata per una squadra di operai e per un recapito commerciale, il locale, oggetto di ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi in quanto approvato in deroga al Prg per la finalità pubblica, era stato venduto ad un privato. Con l'approvazione del Piano particolareggiato che ha reso edificabile quell'area in precedenza destinata a parcheggio, il privato ha presentato un progetto per la realizzazione di alcuni appartamenti e il Comune ha poi siglato una convenzione con il proprietario rinunciando a tutti i contenziosi in essere. Sul caso, ora, indaga la Procura.