Il Tribunale amministrativo ha rinviato a marzo ogni decisione sul pagamento dei canoni che il Comune di Latina ha chiesto ai condomini del consorzio Q1 per l’occupazione abusiva di un’area che era dell’ente ma su cui hanno costruito il Consorzio Due Fiori e Mele Costruzioni. Come si sa si tratta di una vicenda complessa, a tratti assurda, sulla lottizzazione autorizzata su un suolo che era del Comune ma che è stato egualmente concesso ignorando il titolo di proprietà dell’ente e a febbraio dello scorso anno gli uffici si sono finalmente resi conto (a quasi 30 anni dai primi provvedimenti autorizzativi) che le palazzine in Q1, meglio conosciute come le «case dei vip» in realtà hanno occupato abusivamente un’area pubblica e quindi adesso sono tenuti al pagamento dei canoni di occupazione.

(Articolo completo su Latina Oggi del 26 Febbraio 2016)