Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Rissa verbale Salvini-Pennacchi in tv a La7
0

Rissa verbale Salvini-Pennacchi in tv a La7

Televisione

Scontro verbale tra Matteo Salvini e Antonio Pennacchi su La7, durante la trasmissione Fuori Onda. Nel corso di una discussione sullo scandalo della sanità lombarda, che ha portato alle indagini nei confronti di alcuni appartenenti alla Lega Nord, il segretario della Lega e lo scrittore pontino premio Strega, alzano i toni del confronto. In particolare si parla di Fabio Rizzi, braccio destro del Governatore della Lombardia Roberto Maroni. Pennacchi dice: "Non era l’ultimo della strada, era il braccio destro di Maroni". Salvini prontamente replica: "Se hanno beccato un leghista che ha sbagliato il primo a tirare i calci in culo sono io". A quel punto Pennacchi fa notare come "anche la Lombardia fa parte di questo sistema sporco" e Salvini si sovrappone e dice: "“va bene, la Lombardia è la patria di tutte le mafie, glielo dico così lei è contento". Pennacchi si inalbera: "Ma perché fai ste cazzo de battutine? Ma vai a scuola prima di fare le battutine, ma studia Santo Dio!". Salvini chiede "al signore col cappello di non agitarsi. La mia mamma mi ha insegnato che l’educazione prevede che ci si toglie il cappello”. “La sua mamma avrebbe dovuto riempirla di botte quand’era piccolino. Salvini è come i giocatori che menano sempre, poi quando menano a lui se lamenta co l'arbitro”, è la conclusione dello scrittore.

Già a Ballarò, nel 2014, i due si erano beccati in diretta tv.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400