Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

.




Caos stabilimenti: le strutture sono da smontare
0

Stabilimenti, ora scatta l’inchiesta

Latina

Anche il Nipaf interviene sul lungomare, ieri le prime verifiche sul perimetro dei manufatti appena smontati in seguito all’ordinanza del Comune

Ci mancava soltanto il Nipaf a rendere ancora più complicata la posizione degli stabilimenti balneari del Lido di Latina colpiti la scorsa settimana da una serie di provvedimenti di revoca della concessione demaniale per inosservanza degli obblighi contrattuali. Gli investigatori del Corpo Forestale di Stato sono stati visti effettuare una serie di rilievi attorno alle strutture raggiunte dal provvedimento di revoca, presumibilmente con l’intenzione di procedere nei confronti dei titolari degli stabilimenti che hanno omesso di smontare le strutture nei termini previsti dalla concessione, cioè entro la data del 31 ottobre. La presenza dei manufatti, che dovrebbero essere amovibili e a carattere stagionale, costituisce oggi, a tutti gli effetti, un’occupazione abusiva del suolo demaniale, fattispecie dai risvolti penali ma soprattutto foriera di nuovi guai per gli operatori interessati, perché tra gli effetti più immediati di un reato come l’occupazione abusiva di suolo pubblico c’è anche quello del sequestro del manufatto ritenuto abusivo.

Il servizio completo in edicola con Latina Oggi (2 marzo 2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400