Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

.




Acqualatina

La sede di Acqualatina

0

Acqualatina, per il Pd il ritorno alla gestione pubblica è difficile

Latina

Tornare alla gestione pubblica, acquistando le quote del partner privato? Un percorso difficile ed economicamente impervio. Questa l'opinione della segreteria provinciale del Partito democratico guidata da Salvatore La Penna e dei sindaci Pd della provincia pontina.

"Il Partito Democratico, ad ogni livello, sta lavorando da tempo affinché, anche a seguito dell'esito referendario per cui ci siamo spesi, maturino le condizioni per una ripubblicizzazione del servizio idrico - si legge in una nota firmata da La Penna e dai sindaci Dem dei comuni dell'Ato 4 - Prendiamo atto, con un po' di sorpresa, del repentino cambio di posizione di Forza Italia in provincia di Latina; è un cambiamento che accogliamo positivamente, seppure si faccia fatica a rintracciarne le vere motivazioni politiche. Per quanto riguarda la vicenda delle quote del socio privato di Acqualatina ribadiamo la nostra disponibilità a ragionare riguardo a una possibile ripubblicizzazione. Evidenziamo, però , come tale operazione sia resa tortuosa e complessa dalle condizioni di bilancio e di esposizione della società Acqualatina, nonché dal gigantismo della macchina burocratica-amministrativa e dell'apparato della società che attualmente gestisce il servizio idrico. Più volte in questi anni abbiamo chiesto che la conferenza dei sindaci e i soci pubblici acquisissero un ruolo più forte di vigilanza, controllo e pianificazione registrando spesso, da parte della maggioranza dei soci pubblici di estrazione politica di centrodestra, indifferenza e scarsa considerazione.
Da esponenti politici ed amministratori attenti agli interessi delle nostre comunità e preoccupati della sostenibilità finanziaria di tale operazione, riteniamo  necessario che, prima di procedere ad un eventuale ripubblicizzazione, venga compiuta attraverso l'ausilio di società specializzate un'operazione verità sui conti di Acqualatina e uno studio di sostenibilità economico-finanziaria che tenga conto delle condizioni strutturali della società e delle possibili ricadute sulle finanze degli enti locali. Il nostro orizzonte è quello della gestione pubblica del sevizio idrico e siamo interessati a verificare ogni possibilità sia dal punto di vista legislativo che economico-finanziario; esprimiamo, però, l'auspicio che quanto operato sinora nella gestione del servizio in provincia di Latina, non pregiudichi tale possibilità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400