Il Riesame ha annullato alcune misure restrittive dell'operazione Doppio Gioco condotta dalla Mobile che aveva portato all'arresto di alcuni componenti della famiglia Di Silvio, accusati di usura, estorsione e spaccio di droga. I magistrati hanno annullato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Latina nei confronti di Fabio e Alessandro Di Stefano e di Ferdinando Di Silvio di 19 anni conosciuto come "Prosciutto", per i tre indagati il provvedimento è stato annullato e sono tornati in libertà. E' stata modificata anche la misura restrittiva per Ferdinando Di Silvio detto Gianni e di Laura De Rosa a cui sono stati concessi gli arresti domiciliari