Voleva scappare all’estero e nella Repubblica Ceca. La polizia ha arrestato per questo motivo Angelo Fanfarillo, l’imprenditore di Cisterna finito in carcere per aver corrotto tre testimoni, anche loro arrestati e che si trovano ai domiciliari. Hanno ritrattato in Tribunale le dichiarazioni per un processo che vede Fanfarillo imputato quale mandante per l’aggressione al vice comandante della Finanza di Cisterna, Gaetano Reina, ferito a sprangate nell’aprile di due anni fa. Nell’inchiesta emergono alcuni retroscena tra cui la conversazione di un’indagata che si sfoga con un’amica al telefono. «Ho l’ansia - dice - e vado a ritrattare». L’inchiesta sul tentato omicidio di Cisterna è finita anche nelle carte di Mafia Capitale.

Ampio servizio in edicola con Latina Oggi (6 aprile 2016)