E’ stato assolto dalla pesante accusa di tentata violenza sessuale un operatore dell’ospedale Dono Svizzero di Formia.
Ieri la sentenza davanti al giudice del tribunale di Latina in favore dell’Operatore Socio Sanitario del Dipartimento di salute mentale del’ospedale. Questi, M.L., di Spigno Saturnia, era stato rinviato a giudizio dal giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina, Mara Mattioli, il 14 luglio del 2014. Secondo gli inquirenti, il 21 ottobre 2010, l’uomo approfittando dello stato di inferiorità della paziente, avrebbe costretto la donna a baciarlo.
Un’accusa respinta con forza dall’imputato che, difeso dall’avvocato Emiliano Simeone, sin da subito ha inteso dimostrare in aula la sua innocenza (tanto che in sede di rinvio a giudizio non chiese di volere essere processato con un rito alternativo tipo l’abbreviato), chiamando a testimoniare anche colleghi e responsabili della struttura.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (6 aprile 2016)