Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

.




Liquami in mare, indagati sindaco e funzionario
0

Liquami in mare, indagati sindaco e funzionario

Ventotene

Il primo cittadino ed il geometra comunale sono ritenuti responsabili dell’accaduto dalla Procura di Cassino

Gli episodi sono due. Il primo si è verificato nell’ottobre 2014 ed il successivo nell’agosto del 2015. Dal depuratore dell’isola sono fuoriusciti dei liquami, invadendo la scogliera e finendo a mare. Per questo, il sindaco di Ventotene, Giuseppe Assenso, e il geometra del comune, Pasquale Romano, sono indagati con l’accusa di inquinamento ambientale. Un’inchiesta di cui è titolare il sostituto procuratore della Repubblica di Cassino, Alfredo Mattei. Mercoledì scorso, inoltre, è stato notificato al Comune un decreto di ispezione del depuratore da parte da parte dei tecnici dell’Arpa, ma ci sono stati attimi di tensione perchè il sindaco non è più titolare dell’impianto, considerato che la gestione idrica è passata ad Acqualatina alcuni mesi fa. Quindi si è dovuto attendere l’arrivo del dipendente della società idrica per poter procedere. Ma al momento dello sversamento dei liquami la gestione dell’impianto era affidata al comune ed è per questo che sindaco e funzionario comunale risultano indagati. Qualcosa - pare forse un black out elettrico - non ha consentito il corretto funzionamento dell’impianto e c’è stata la fuoriuscita che ha creato disagio a residenti e turisti, oltre che a provocare l’inquinamento del mare di un isola che ha anche la bandiera blu.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (16 aprile 2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400