Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

.




Zuliani (Pd): il centrodestra ripropone gli stessi volti che hanno fallito

Nicoletta Zuliani con il candidato sindaco Enrico Forte

0

Zuliani (Pd): il centrodestra ripropone gli stessi volti che hanno fallito

Latina

La candidata del Partito democratico al Consiglio comunale Nicoletta Zuliani critica aspramente gli avversari del centrodestra che, non solo si ripresentano con gli stessi amministratori del passato "che hanno miseramente fallito il loro compito" ma propongono le stesse idee e "punti programmatici che non sono stati in grado di attuare in venti anni".

"Tutti i componenti della giunta passata sono occupati oggi a spiegare i loro progetti per la città: scuole colorate, parchi belli, città
pulita, trasparenza, famiglia tradizionale (cosa c'entri poi questo con la gestione della città devono spiegarlo)... Il punto vero è spiegare perché non hanno fatto tutto quello che dicono di voler fare, quando erano lì a governare! E vogliono tornarci. L'ostinazione a ricandidarsi di coloro che sono stati alla guida della città (Calandrini, Calvi, Tripodi, Tiero, Sovrani, Chiarato) avendo ricoperto ruoli di grande peso, e quindi di corresponsabilità di governo e di risultati, è per me un insulto.

La vera sfida a Latina è quella contro la malapolitica e la gestione privata dei beni pubblici a servizio del consenso.
Se ne aggiunge anche una nuova: quella di far crescere Latina, di rilanciare uno sviluppo ed una economia fermi e imbrigliati in una prassi politica viziata, fatta di promesse e contrattazioni puntualmente disattese. I candidati della destra continuano a parlare di trasparenza, quando Presidente del Consiglio, Sindaco, assessori e consiglieri di maggioranza cambiavano le carte e i numeri della pianificazione urbana dicendo che solo la giunta bastava ad approvare i Piani Particolareggiati facendo diventare lo stadio comunale un'area verde attrezzata, il quartiere R6 una colata di cemento e la ZTL un campo di battaglia per non aver condiviso realmente le scelte con le parti interessate. L'ufficio di Urbanistica Partecipata, appannaggio di una dirigente senza sottoposti, era la bugia "meglio vestita" che potevano fornire, quando confondevano partecipazione con comunicazione dei PPE nel tour che l'ex assessore Di Rubbo fece nelle varie parti della città per illustrare, appunto, quello che era stato già approvato (non per decidere con i cittadini). È il cittadino-elettore che ha il potere sanzionatorio o premiale rispetto al politico. È l'elettore che deve togliere il proprio voto a chi non ha rispettato gli impegni presi. È l'elettore che deve riconoscere le bugie che i "capitani" di Latina vanno ancora raccontando, continuando a promettere senza aver mai dimostrato di saper realizzare alcunché per la città. È l'elettore che si prende una responsabilità grande: decidere anche per gli altri. Ed è profondamente sbagliato fare solo la guerra ai partiti sostenendo che il civismo è meglio della politica: le liste che concorrono sono tutte civiche tranne Partito Democratico, Forza Italia e Fratelli d'Italia. Tutte le liste "civiche" hanno candidato politici di lungo corso o persone riferibili a politici del passato, chi in misura maggiore chi in misura minore. Quello che deve passare al vaglio è la credibilità del progetto e le persone che vogliono realizzarlo. È arrivato il momento di passare il testimone all'altra Latina, quella dello sviluppo e dell'innovazione, quella della contemporaneità, quella che ribalterà la macchina amministrativa del Comune di Latina per scardinare il clientelismo e il familismo che hanno generato inchieste della magistratura e mortificazione delle competenze di tanti onesti dipendenti comunali. Quello che abbiamo messo in campo con Enrico Forte è un progetto di città vero e realizzabile: la prima pietra è mettere la parola fine alla connivenza tra politica e gestione personalistica dei beni della comunità e lo faremo con il rigore della vera trasparenza e con gli strumenti che una politica capace ed esperta sa usare. Poi occorre spingere l'acceleratore sull'innovazione a tutti i livelli.
Alla frammentarietà sociale che ha tanto fatto comodo alle precedenti amministrazioni opporremo la costruzione di una vera comunità, che connetta, che leghi, che valorizzi ciò che già è in atto e che lo metta "in rete" per il bene di tutti. A sostegno di questo progetto abbiamo persone di competenza ma anche fresche nel panorama politico, che Latina conosce e stima: le idee e i progetti devono essere veri e camminare su gambe forti e decise. Ma in questa nuova sfida la città non può rimanere a guardare chi vincerà:deve fidarsi e farlo insieme a noi. Latina può cambiare in meglio, lo deve ai suoi figli, lo deve alle nuove generazioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400