Il direttore dell’Agenzia di Formazione, Francesco Ulgiati, è stato chiaro: «Non ci sono soldi per pagare gli stipendi». E’ cominciata così, tre giorni fa, la fase più dura della spa nata per offrire corsi di formazione alternativi alla scuola dell’obbligo erogati dalla Regione Lazio attraverso il Fondo sociale europeo. I corsi di questo anno scolastico sono iniziati a settembre e fino ad oggi non è stata liquidata neppure una mensilità ai circa 200 formatori assunti con contratti co.co.pro. e la retribuzione id ciascuno non è elevata, si va da 800 euro mensili a 1500 in base alle ore di formazione previste dal contratto.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (23 aprile 2016)