Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

.




Il cimitero di Latina
0

Crematorio, la battaglia continua

Latina

Il Consiglio di Stato respinge il ricorso di Ipogeo relativo al diritto di esclusiva sull’impianto da realizzare al cimitero

Nuova tappa nello scontro tra Comune e società Ipogeo per la realizzazione dell’impianto di cremazione e questa volta davanti al Consiglio di Stato, dove giovedì è stato discusso il ricorso di secondo grado per la costruzione dell’impianto. Come si sa la Ipogeo aveva proposto ricorso al Tribunale amministrativo contro la conferenza di servizi convocata dal Comune ad agosto scorso per valutare la proposta della realizzazione dell’impianto da parte di un’altra società e in primo grado i giudici amministrativi aveva rigettato la domanda cautelare del concessionario dei servizi cimiteriali, il quale sosteneva in atti di avere l’esclusiva su tutto, compreso l’impianto di cremazione. Il Comune di Latina, rappresentato dall’avvocato Francesco Cavalcanti, ha, d’altro canto, sempre affermato che la concessione del 2007 sul cimitero di Latina non include il crematorio né può essere considerato parte del cosiddetto ampliamento dell’esistente. Ciò nonostante la Ipogeo ha proposto appello al Consiglio di Stato invocando la sospensione della sentenza del Tar e dunque l’affermazione del diritto di esclusività. Giovedì al termine dell’udienza è stata rigettata la domanda di sospensione di primo grado, quindi resta vigente il verdetto del Tar di Latina circa il mancato riconoscimento del diritto di esclusiva ma nel merito la decisione di secondo grado verrà presa il 21 maggio prossimo. Nel frattempo però arriverà davanti al Tar di Latina un altro ricorso, sempre di Ipogeo, contro il «no» al progetto per l’impianto di cremazione presentato dalla società a novembre scorso.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (24 aprile 2016)
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400