Due banditi armati di pistola sono entrati in azione sulla Pontina per rapinare l’incasso al gestore di un distributore di carburante. È successo due giorni fa nei pressi del capoluogo, ma l’episodio è emerso solo ieri quando la vittima si è presentata in caserma per denunciare l’accaduto ai carabinieri. Dopo l’episodio l’uomo infatti non ha dato l’allarme, ma è tornato a casa, ancora scosso per l’accaduto, permettendo ai rapinatori di sparire indisturbati col bottino, circa duemila euro.
Gli investigatori dell’Arma che si occupano del caso sono convinti che i banditi abbiano studiato il colpo nei minimi particolari prima di entrare in azione. Molto probabilmente sapevano riconoscere il benzinaio e conoscevano le sue abitudini. Non è escluso addirittura che abbiano aspettato la chiusura della stazione di servizio per seguirlo e attendere il momento opportuno prima passare all’azione. O semplicemente hanno aspettato a metà strada per intercettarlo prima di fermarlo.

L'articolo completo in edicola con Latina oggi (28 aprile 2016)