Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

.




Acqua, corrente e telefono: ipotesi di danno erariale
0

Conti, l’errore che vale un’inchiesta

Priverno

La delibera del Commissario sui debiti fuori bilancio non riconosciuti inviata anche alla Procura della Repubblica

Non è solo una censura di tipo contabile quella che il commissario Polichetti ha allegato all’esame finanziario delle scelte del Comune di Priverno, perché i rilievi sul mancato riconoscimento di molti (troppi) debiti fuori bilancio è stato inviato anche alla Procura della Repubblica di Latina. In realtà la situazione finanziaria dell’ente era apparsa da subito molto precaria ma l’ombra di responsabilità penali si staglia su atti che non sono solo semplici scelte di bilancio, magari errate. Ritiene infatti il commissario straordinario nella nota pubblicata due giorni fa sull’albo pretorio che «la tempestiva presa d’atto delle numerose prospettazioni di debiti fuori bilancio e la conseguente adozione di necessari provvedimenti... avrebbe probabilmente mostrato lo squilibrio della gestione finanziaria dell’ente stesso e conseguentemente condotto, in sede di bilanci consuntivi, ad una diversa determinazione dei parametri indicatori degli enti strutturalmente deficitari». Ciò che rende tutto più complicato sono quelle che vengono definite «gravi criticità suscettibili di alterare gli equilibri di bilancio e di influire negativamente sugli andamenti della finanza comunale». Tra le azioni estremamente sbagliate c’è stato a partire almeno dal 2009 il «ricorso costante all’anticipazione di cassa per la durata dell’intero esercizio finanziario per cui appare evidente che l’ente continui ad avere rilevanti difficoltà di cassa connesse alla difficoltà di riscossione dei propri crediti, su cui è costretto a richiedere continuamente anteprime di liquidità». E’ come se il Comune di Priverno fosse finito in un giro di usura ma per errori legati al mancato incasso dei crediti (specie da imposte locali) e perché spendeva senza badare al portafoglio, perennemente vuoto. Per capire la portata di una delle voci (mancanti) più contestate basta analizzare cosa è successo negli anni. Dopo l’esercizio finanziario del 2010 e fino a quello del 2013 non ci sono stati riconoscimenti di debiti.

L'articolo completo in edicola con Latina oggi (28 aprile 2016)
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400