Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

.




Il cerchio magico degli incarichi
0

Così le talpe violavano il segreto

Latina

Il testimone in aula: «Viste da subito delle tracce di attività illecite. Sulle intercettazioni svelati molti particolari»

Nuova udienza fiume ieri del processo Don’t Touch, anche quella di ieri, è stata una giornata monotematica, dedicata esclusivamente alla deposizione davanti al Collegio Penale presieduto dal giudice Pierfrancesco de Angelis e ai pubblici ministeri Luigia Spinelli e Claudio De Lazzaro, di un investigatore della Squadra Mobile che aveva seguito passo dopo passo tutte le indagini e che ieri ha ricostruito la genesi dell’inchiesta che lo scorso 12 ottobre ha portato a 23 arresti. In aula il processo si sta celebrando per nove imputati che hanno scelto il rito ordinario mentre per gli altri l’appuntamento è fissato per il 5 di maggio. «Tracce di attività illecite si sono viste subito - ha detto il testimone - e dalle intercettazioni questo lo abbiamo subito intuito. E poi era palese la fuga di notizie sulle intercettazioni che erano in corso». L’agente in servizio alla Squadra Mobile ha ricostruito gli episodi estorsivi a partire da una richiesta di intervento di una parte offesa che poi una volta che era andata in Questura non aveva firmato la denuncia e poi ha sottolineato anche la consapevolezza che alcuni indagati sapevano di essere intercettati ed è emersa una frase che secondo l’investigatore era molto indicativa. «Tanto sanno tutto».

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (30 aprile 2016)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400