Altro che compensazione. La Regione fa sul serio e nonostante la voci circa una redistribuzione tra i fondi destinati al depuratore e quelli che il Comune ha sperperato nella distruzione dell’Anfiteatro e nella realizzazione dell’Ecomostro in via Piagge Marine (compensazione mai confermata, qualora la si volesse ritenere verosimile), la Pisana ha ufficialmente chiesto all’ente comunale di restituire 1,3 milioni di euro, stanziati in precedenza dall’Unione Europea e dallo Stato per la realizzazione di quello che sarebbe dovuto essere il nuovo Teatro Italiano, costringendo la Giunta comunale a incaricare un avvocato per affrontare un processo che si preannuncia infuocato. La somma che la Regione ha chiesto indietro è di 1.323.651,72 euro, frutto di due distinti finanziamenti nell’ambito del Programma Docup 2000/2006. Dopo un tentennamento e una sospensione della richiesta (dovuta al fatto che il Comune aveva affermato di non aver ricevuto le comunicazioni), la vicenda è andata avanti, costringendo il Comune a intervenire.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (10 maggio 2016)